contributi inps commercianti 2020 proroga

02 Gen 2021 Categoria: Aggiornamenti

/ C.F. Pagamento, da parte dei soggetti committenti, dei contributi relativi alla gestione separata INPS dovuti sui compensi corrisposti nel corso del precedente mese. INPS: proroga contributi anche per titolari, soci, artigiani e commercianti, inclusa nella sospensione anche la scadenza del 18 maggio: lo ha chiarito l’INPS con il comunicato stampa del 15 maggio 2020. Ipsoa Lavoro e previdenza Amministrazione del personale Sospensione e versamento dei contributi: le modalità emanate dall’INPS Dichiarazioni Uniemens - 11 Maggio 2020 Ore 21:19 Non c’è la proroga del termine per pagare la terza rata dei contributi fissi dovuti sul minimale di reddito. L’articolo 98 del decreto legge n. 104/2020 prevede che, in caso di diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33 per cento nel primo semestre dell’anno 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente: “per i soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito, per ciascun indice, dal relativo decreto di approvazione del Ministro dell’economia e delle finanze è prorogato al 30 aprile 2021 il termine di versamento della seconda o unica rata dell’acconto delle imposte sui redditi e dell’IRAP, dovuto per il periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2019.”. Gli iscritti alla Gestione INPS artigiani e commercianti pagano i contributi fissi in quattro rate. Inps, contributi sospesi anche per artigiani e commercianti: in una nota ufficiale la conferma che sono rimandati al 16 settembre, requisiti e paletti. " class="bg-gray-300 h-8 w-8 text-center rounded-full p-1 cursor-pointer">, Vedi tutta la sezione Risparmio e Investimenti, sospensione dei contributi previdenziali prevista dal decreto Ristori-bis, articolo 98 del decreto legge n. 104/2020, Contributi INPS artigiani e commercianti, scadenza il 16 novembre 2020 senza proroga. Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018 Il decreto Ristori ha previsto la possibilità di applicare la proroga senza verifica della perdita subita per le partite IVA che operano nelle zone rosse. Interviene l'Inps per fare chiarezza sui contributi in scadenza a maggio. Se si guarda alla relazione tecnica di accompagnamento al decreto Ristori-bis, si evince inoltre che la stima degli importi sospesi è stata effettuata estraendo i dati relativi agli UNIEMENS di ottobre 2020, per la quota di contributi a carico dei datori di lavoro. Rispetto al 2019 sono variati il reddito minimale e l’ammontare dei contributi fissi dovuti. Segnalate da Inps e riprese dal Ministero del Lavoro alcune nuove indicazioni in merito alle misure di sostegno per aziende e lavoratori in emergenza Covid-19.Sono: il messaggio n. 4718 del 15 dicembre 2020 ripreso dal Ministero del Lavoro il 16 dicembre riporta indicazioni per la domanda online di congedo Covid-19 in caso di quarantena scolastica figlio convivente minore di 14 anni. Bonus decreto Ristori bis, nuovi codici ATECO per il fondo perduto (e non solo). Money.it srl a socio unico (Aut. essere soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione; avere domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato; essere in una delle tre situazioni indicate: Contribuzione sospesa da versare al Fondo di Tesoreria; Liberi professionisti e committenti tenuti al versamento dei contributi alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge n. 335/1995; Aziende agricole assuntrici di manodopera; Lavoratori agricoli autonomi e concedenti piccola colonia e compartecipazione familiare; Aziende aventi natura giuridica privata con dipendenti iscritti alla Gestione pubblica; Proroga al 16 aprile 2020 dei pagamenti in scadenza al 16 marzo 2020. Con la circolare n.28 del 17 febbraio 2020, l’Inps rende note le aliquote per la contribuzione di Artigiani e Commercianti iscritti alla Gestione Artigiani e Commercianti per il 2020. Contributi INPS artigiani e commercianti: per chi scatta la proroga a marzo 11 Novembre 2020 Il Decreto Ristori prima e il Ristori Bis dopo, hanno disposto la sospensione dei versamenti contributivi in scadenza anovembre 2020, comprese le rate in scadenza nello stesso mese relative a rateazioni di debiti concesse dall’INPS. Il termine riguarda la terza rata dei contributi fissi dovuti sul minimale di reddito. L’Istituto, nel dare seguito alla circolare INPS 17 febbraio 2020, n. 28, con il messaggio 29 aprile 2020 n. 1792 informa che è stata ultimata una nuova elaborazione dell’imposizione contributiva per gli iscritti alla Gestione Artigiani e Commercianti relativa al 2020 e a eventuali periodi precedenti non già interessati da imposizione contributiva. Sul punto è necessario che l’IINPS e l’Agenzia delle Entrate forniscano chiarimenti al più presto. Il comunicato stampa del 15 maggio 2020 ha chiarito chi paga entro la scadenza del 18 maggio 2020 , soffermandosi sulle regole per artigiani e commercianti. Messaggio INPS n. 1754 del 24 aprile 2020, Proroga scadenze fiscali aprile maggio 2020 al 16 settembre: IVA, contributi e ritenute. Non c’è quindi un esplicito riferimento alla scadenza dei contributi dovuti da artigiani e commercianti. Proroga versamenti dei contributi Inps, il presidente di Ascom Bertin: «Un delirio di burocrazia» «Il contribuente deve obbligatoriamente comunicare … L’articolo 11, al comma 2, stabilisce che: “È altresì sospeso il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti nel mese di novembre 2020, in favore dei datori di lavoro privati che abbiano unità produttive od operative nelle aree del territorio nazionale, caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto [..] appartenenti ai settori individuati nell’Allegato 2 del presente decreto.”. Di seguito il testo del Decreto Ristori Bis che amplia la platea di soggetti che possono fruire della proroga al 30 Aprile 2021 estendendo la portata dell’articolo 98 sopra riportato. Sulla scadenza della terza rata dei contributi fissi si è creata non poca confusione in seguito all’emanazione del decreto Ristori e poi del decreto Ristori bis. Non sembra rientrare nel rinvio anche la scadenza del secondo acconto dei contributi INPS eccedenti il minimale. L’articolo 13 del decreto legge n. 137/2020 prevede la sospensione dei versamenti contributivi di novembre 2020, per le partite IVA che esercitano attività incluse nell’elenco dei codici ATECO allegato, ma esclusivamente in favore dei sostituti d’imposta ed in relazione ai versamenti dovuti in favore dei lavoratori dipendenti. Tutti i dettagli nella circolare numero 59 del 2020. Il testo, inoltre, specifica che la sospensione si applica a tutte le scadenze di aprile e maggio che riguardano i piani di rateazione concessi dall’Istituto, le note di rettifica, nonché gli atti di recupero da accertamento amministrativo o di vigilanza. quarta ed ultima rata entro il 16 febbraio dell’anno successivo. Regime forfettario 2020, scadenza il 28 febbraio per la domanda di riduzione dei contributi INPS. Il nuovo documento sul tema nasce dall’approvazione del Decreto numero 23 del 2020 che “ha previsto, tra l’altro, ulteriori interventi aventi ad oggetto la sospensione dei versamenti contributivi” e integra le informazioni già fornite: Si chiarisce che la sospensione dei versamenti si applica anche ai contributi relativi a periodi pregressi posti in riscossione alle predette scadenze e ai versamenti che riguardano i piani di rateazione concessi dall’Istituto. La sospensione dei contributi previdenziali prevista dal decreto Ristori-bis ricalca il modello previsto dal decreto n. 137. L’Inps , con propria circolare n. 52 del 9.4.2020 , ha fornito indicazioni in ordine all’ambito di applicazione del dettato normativo di cui al decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, che ha previsto ulteriori disposizioni concernenti la sospensione degli adempimenti e dei versamenti contributivi a causa dell’emergenza COVID-19, integrando il previgente assetto normativo previsto dal […] Il chiarimento definitivo è arrivato dall’INPS, con la circolare n. 128 del 12 novembre 2020. I beneficiari della proroga dei contributi dovuti il 16 novembre 2020 risultano esclusivamente i “datori di lavoro”, lasciando intendere che il rinvio a marzo 2021 riguardi i versamenti contributivi dovuti in favore dei lavoratori. Salvo proroghe, i quattro appuntamenti dell’anno con il versamento della quota minima dei contributi previdenziali sono così determinati: L’emergenza economica, diretta conseguenza delle restrizioni imposte per ridurre i contagi da Covid-19, ha portato alla proroga della prima rata. Non c’è la proroga del termine per pagare la terza rata dei contributi fissi dovuti sul minimale di reddito. Gli artigiani e i commercianti oltre a versare i contributi fissi saranno chiamati entro il 30 novembre 2020 a pagare il secondo acconto dei contributi eccedenti il minimale. Coordinando la misura con quanto previsto dal Ristori-bis, la proroga si applica sia nelle zone gialle e arancioni che nelle zone rosse. In ambedue i casi si fa però riferimento in maniera esplicita alle imposte sui redditi e all’Irap. La guida completa sul cashback, Esenzione Canone Rai 2021: moduli, scadenza e come fare domanda. proroga scadenze fiscali aprile e maggio 2020 per versamenti fiscali e contributivi da parte delle imprese, autonomi e professionisti con ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro nel periodo di imposta precedente a quello in corso che hanno subito una diminuzione dei ricavi o dei compensi di almeno il 33% nel mese di marzo 2020 rispetto allo stesso mese del precedente periodo d’imposta e nel mese … Contributi Inps artigiani e commercianti 2020: la Circolare n. 28 del 17 febbraio 2020 l’INPS ha comunicato le aliquote, il minimale ed il massimale e le scadenze per effettuare i versamenti, dovuti dagli artigiani e commercianti per l’anno 2020.. N.B. Una risposta ufficiale alla domanda ancora non c’è, e le opinioni degli addetti ai lavori divergono notevolmente. Autorizzazione Per il versamento si utilizza il modello F24. A spazzare via i dubbi sorti dopo la pubblicazione del decreto Ristori bis è la circolare pubblicata dall’Inps il 13 novembre 2020 (Circolare numero 129 del 13-11-2020) e […] Esonero contributi decreto Ristori convertito, novità: ecco a chi spetta. È inoltre dovuto il contributo per maternità, stabilito in misura fissa in 0,62 euro mensili. A spazzare via i dubbi sorti dopo la pubblicazione del decreto Ristori bis è la circolare pubblicata dall’INPS il 12 novembre 2020, che individua come beneficiari della proroga al 16 marzo 2021 esclusivamente i datori di lavoro privati. INPS: proroga contributi anche per titolari, soci, artigiani e commercianti, inclusa nella sospensione anche la scadenza del 18 maggio: lo ha chiarito l’INPS con il comunicato stampa del 15 maggio 2020. La proroga porta il termine di ripresa dei versamenti al 31 marzo 2021. Riportando il testo della norma, nel comunicato stampa del 15 maggio 2020 sulla possibilità di includere anche la scadenza per i contributi di artigiani e commercianti del 18 maggio nella sospensione prevista dal Decreto Liquidità, l’INPS mette in chiaro i requisiti necessari per beneficiarne. INPS: proroga contributi anche per artigiani e commercianti, Informazione Fiscale S.r.l. Tale proroga si riferisce unicamente alle imposte sui redditi, pertanto l’acconto dei contributi eccedenti il reddito minimale dovrai comunque versarlo entro il 30 novembre 2020. 20 MAGGIO. I versamenti nei confronti delle pubbliche amministrazioni, inclusi quelli relativi ai contributi previdenziali ed assistenziali ed ai premi per l’assicurazione obbligatoria, in scadenza il 16 marzo 2020 sono stati automaticamente differiti al 20 marzo 2020. Per le zone rosse, in sintesi, si amplia l’elenco dei beneficiari della proroga dei contributi. - P.I. Artigiani e Commercianti. Chiarimento INPS con il comunicato stampa del 15 maggio. I contributi sono dovuti entro un reddito massimo imponibile. Articolo originale pubblicato su Money.it qui: del Tribunale di Roma N. 84/2018 del 12/04/2018. L’Istituto ha spazzato via ogni dubbio e si è espresso chiaramente sulla platea di beneficiari dall’articolo 18 del DL numero 23 del 2020. La risposta la si trova nell’articolo 18 del Decreto Legge 23/2020 e nel comunicato stampa rilasciato oggi dall’Inps. INAIL. Si rinvia al contenuto della circolare di imminente pubblicazione, al vaglio ministeriale. Con la pubblicazione del decreto Rilancio in Gazzetta Ufficiale sono state previste ulteriori proroghe alle scadenze fiscali aprile e maggio 2020 che vanno quindi ad aggiornare quelle previste dal Decreto Cura Italia e dal Decreto Liquidità. n. 18/2020 - Sospensione dei termini per contributi e premi per i contribuenti con ricavi non superiori nel 2019 a due milioni di euro - Istruzioni operative L’INPS ha emanato le indicazioni operative necessarie per la sospensione dei versamenti contributivi di cui al decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020. Articolo originale pubblicato su Informazione Fiscale qui: Ai contributi fissi di artigiani e commercianti del 16 novembre 2020 ed ai versamenti dovuti da tutti i sostituti d’imposta entro la medesima data, si aggiunge la scadenza del secondo acconto, fissata al 30 novembre. >>. Il decreto legge n. 147 del 9 novembre 2020 amplia la platea dei beneficiari della sospensione, ma non cita espressamente artigiani e commercianti. Cerca nel sito: 15 Novembre 2020 Il governo ha prorogato il termine per ¡l versamento del secondo acconto di imposte e contributi (Irpef, Irap, addizionali, imposta sostitutiva, cedoLare secca, contributi Inps artigiani commercianti, gestione separata etc,) dal 30.11.2020 al 30.04.2021. Contributi INPS artigiani e commercianti, la scadenza è il 16 novembre 2020. In stand by la prima rata di contribuzione sul minimale anno 2020 per tutti coloro che hanno i requisiti richiesti. Per artigiani e commercianti iscritti per la prima volta nella gestione dal 1° gennaio 1996 (soggetti privi di anzianità contributiva) vige … INPS - D.L. Considerando però che le scadenze delle imposte sui redditi e dei contributi INPS vanno di pari passo, è però lecito chiedersi se la proroga al 2021 sia o meno onnicomprensiva. Di seguito le condizioni per rientrare nella proroga: Dopo la diffusione della notizia della sospensione dei contributi per artigiani e commercianti con il comunicato stampa del 15 maggio 2020, l’INPS ha anche pubblicato una nuova circolare, la numero 59 del 16 maggio 2020, in cui si legge: “Il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali ha comunicato che possono avvalersi della sospensione gli iscritti alle gestioni in possesso dei requisiti previsti dalla norma, compresi i soci lavoratori di società”. INPS - CONTRIBUTI GESTIONE SEPARATA. Contributi fissi artigiani e commercianti 2020 Per l’anno 2020, si applicano i seguenti costi contributivi fissi: artigiani: 3.836,16 euro (titolari di qualunque età e coadiuvanti/coadiutori di età superiore ai 21 anni) ovvero 3.501,15 euro (coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni); Altri 100 milioni con la Legge di Bilancio, Bonus bancomat 2020: come funziona? Per i contributi eccedenti il minimale c’è la proroga o no? ... rata anche per artigiani e commercianti. Proroga versamento anche per i contributi INPS a percentuale in scadenza il 30 novembre 2020. Allo stesso modo, anche l’invio del modello 5/2020 – il cui termine ordinariamente è fissato al 30 settembre - è differito al 31 dicembre. Proroga contributi anche per titolari, soci, artigiani e commercianti, inclusa nella sospensione la scadenza del 18 maggio. Stando alle ultime novità sul calendario dei versamenti, la nuova scadenza prevista con la proroga dovrebbe essere fissata per il 16 settembre 2020, ma si attende ancora la pubblicazione del Decreto Rilancio in Gazzetta Ufficiale e la sua conversione in legge. La scadenza del 16 novembre 2020 non subisce modifiche nelle zone gialle, arancioni così come nelle zone rosse. È questo il termine per richiedere l’applicazione dell’aliquota ridotta del 35%.. Con il testo della circolare numero 59 del 2020, inoltre, le indicazioni sulla nuova sospensione dei contributi del Decreto Liquidità non sono indirizzate solo ad artigiani e commercianti, ma a tutti coloro che rientrano nel campo di applicazione dell’articolo 18. ROC n.31425) - P. IVA: 13586361001, $('#search-input').focus()); 31 dicembre 2020 - Cassa Forense, proroga degli adempimenti previdenziali A seguito dell'emergenza pandemica, il versamento dei contributi per l’anno 2020 è differito, senza applicazioni di interessi e sanzioni, al 31 dicembre 2020. : 13886391005 Proroga al 20 marzo 2020 dei pagamenti in scadenza al 16 marzo 2020. Scadenza seconda rata dell'autoliquidazione 2019/2020 . Money.it è una testata giornalistica a tema economico e finanziario. Il pagamento può essere rinviato? Iscrizione ROC n. 31534/2018, Leggi l'informativa sulla Privacy | Redazione e contatti, Questo sito contribuisce all'audience di

Tgr Campania Contatti, Ricetta Liquore Al Basilico, Vita E Opere Di Ugo Foscolo, Wishing You A Happy Birthday - Traduzione, Programmi Domani Rete 4, Stanza Singola Quartiere Africano, Roma,

Commenta